Per strumentazioni medicali visita il sito aird.it
Doctor's Search
Iperacusia, la cosiddetta allergia al suono
3 aprile 2017

Anche conosciuta come allergia ai suoni, l’ iperacusia, è un disturbo uditivo molto fastidioso, caratterizzato da un’ ipersensibilità verso suoni che in condizioni normali non costituirebbero un problema per l’ascoltatore.
Le persone che soffrono di questo disturbo lamentano un’intolleranza verso alcuni suoni intensi. Esistono, però, diverse forme di iperacusia, dalla più grave in cui l’intolleranza è riferita a una vasta quantità di rumori, alla più lieve in cui il soggetto risulta infastidito solo da alcuni suoni specifici e a volume molto elevato.
Ancora non si conoscono precisamente le cause del disturbo. Sono state formulate solo alcune ipotesi che associano l’ iperacusia ad altri status: perdita uditiva, emicrania, paralisi di bell, morbo di Addison, acufene, malattia di Ménière, colpo di frusta, emozioni forti, stress, etc.

Ma come riconoscere i sintomi dell’ iperacusia?
I segnali dell’ iperacusia sono sostanzialmente le reazioni di fastidio che i pazienti avvertono quando sentono dei suoni. Le reazioni più comuni sono:
• Malumore,
• Ansia,
• Panico,
• Forte bisogno di coprirsi le orecchie
• Pianto,
• Abbandono del luogo di origine del rumore
• Forte dolore alla testa
Talvolta capita che all’interno dei luoghi incriminati, il soggetto iperacusico tenda ad isolarsi, e ciò non fa che complicare la situazione. Questo può accadere, ad esempio, nei luoghi di lavoro: ci sono casi di persone che a causa di questo fastidio hanno abbandonato la propria attività.

Diagnosi e trattamento dell’ iperacusia
La diagnosi dell’ iperacusia deve essere effettuata da un esperto attraverso alcuni test audiometrici che consento di valutare al meglio il grado di ipersensibilità acustica.
Le valutazioni audiometriche utilizzate sono: l’audiometria tonale, il test dei riflessi strapediali e il test LDL (quest’ultimo misura l’intensità acustica del livello di disagio).
Per quanto riguarda la cura, i medici non hanno ancora individuato una specifica terapia ma sicuramente quella che sembra dare il miglior risultato è la terapia del suono. Inoltre, molto utilizzata è anche la terapia cognitivo-comportamentale.

Posted in Senza categoria by admin