Per strumentazioni medicali visita il sito aird.it
Doctor's Search
Otite: sintomi e cure
13 luglio 2020

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio dovuta all’azione di virus o batteri. A seconda dell’area interessata potrebbe trattarsi di otite:

  • esterna, se l’infiammazione coinvolge il timpano e il condotto uditivo esterno
  • media, se l’infiammazione coinvolge l’orecchio medio
  • interna, se l’infiammazione coinvolge l’orecchio interno

Il sintomo più comune di questa patologia auricolare è l’otalgia, più comunemente nota come mal d’orecchio. Nei casi meno gravi, il dolore si presenta sono quando l’orecchio viene toccato, mentre in quelli più acuti è un sintomo persistente.

Oltre al dolore all’orecchio si può verificare anche un temporaneo calo dell’udito. Ciò avviene perché l’infiammazione e il gonfiore delle membrane che compongono l’apparato uditivo riducono il passaggio delle onde sonore. Si ha quindi la sensazione di orecchio pieno e ci sente di meno. Una volta scomparsa l’infiammazione, anche il calo dell’udito scompare; tuttavia ci sono casi di otite cronica non trattata correttamente che hanno portato alla completa perdita dell’udito.

Altri sintomi dell’otite possono essere acufeni e vertigini.

Come curare l’otite

La cura per l’otite dipende principalmente dalle cause che l’hanno scatenata. Se è dovuta ad azione batterica è necessario intervenire con una terapia specifica a base di antibiotici, mentre se è dovuta all’azione di qualche virus, bisogna somministrare degli antivirali.

Per velocizzare il processo di guarigione o per alleviare temporaneamente il dolore, si può intervenire con alcuni rimedi casalinghi. Applicare impacchi caldi sull’orecchio ha un’azione lenitiva, mentre dormire con la testa leggermente sollevata aiuta a svuotare le tube di Eustachio. Anche bere molta acqua aiuta questo processo. Integrare nella dieta yogurt ricchi di fermenti lattici insieme a frutta e verdura, aiuta a rafforzare le difese immunitarie.

Ci sono poi una serie di accorgimenti da evitare per non peggiorare le condizioni del vostro orecchio. Ad esempio, non dovete utilizzare i cotton fioc, perché possono irritare o lesionare la cute del canale uditivo, già irritata dall’otite. Inoltre, c’è sempre il rischio di formare un tappo di cerume.

Ma il consiglio più efficace che possiamo darvi è quello di non trascurare nessuno dei sintomi dell’otite individuati in precedenza, e di chiedere subito un consulto con il vostro medico di base o con uno specialista ORL.

Posted in Blog by admin