Per strumentazioni medicali visita il sito aird.it
Doctor's Search
Farmaci ototossici: quali sono e quali danni provocano all’udito
14 settembre 2020

Con il termine farmaci ototossici si indicano quei farmaci che possono provocare danni alle orecchie e all’udito. I danni più comuni sono la comparsa di acufene e l’ipoacusia (calo dell’udito), che può essere sia temporanea che permanente. Nel primo caso, una volta sospeso l’utilizzo del farmaco, anche il disturbo scompare dopo qualche tempo; nel secondo caso invece, l’uso o l’abuso dei farmaci ototossici ha compromesso irrimediabilmente il sistema uditivo.

I farmaci ototossici possono attaccare differenti zone dell’apparato uditivo. Quando i disturbi interessano la coclea, si può presentare l’ipoacusia, spesso preceduta e accompagnata da episodi di acufene o vertigini. Quando invece i danni interessano il vestibolo, il calo dell’udito è accompagnato anche da alterazioni dell’equilibrio e nausea, perché, come sappiamo, nell’orecchio risiede il labirinto, sede dell’equilibrio.

In questo articolo cercheremo di spiegare da cosa deriva l’ototossicità e qual è l’elenco dei farmaci pericolosi per l’udito.

Farmaci ototossici: lista

L’ototossicità di un farmaco non deriva principalmente della sua composizione chimica, ma dal dosaggio, dalla durata della somministrazione, dall’assunzione insieme ad altri medicinali e soprattutto dalla predisposizione genetica del soggetto. Questo discorso vale soprattutto per chi soffre di insufficienza renale, e ha quindi maggiori difficoltà ad assorbire ed espellere le sostanze contenute nei farmaci.

La lista dei farmaci ototossici è abbastanza lunga, poiché sono molti i farmaci che potrebbero causare danni alle orecchie se assunti in modo scorretto. Ecco quali sono:

  • antibiotici
  • diuretici
  • antidepressivi
  • farmaci contro il cancro
  • farmaci al chinino
  • FANS (aspirina, ibuprofene, ketoprofene, acido acetilsalicilico)

Come abbiamo visto, si tratta di farmaci molto comuni, anche da banco. Ecco perché è importante seguire attentamente le dosi indicate nel foglietto illustrativo o le prescrizioni del medico di base. Inoltre, non sempre ci si accorge dei sintomi e si lascia passare molto tempo senza intervenire, aggravando il danno uditivo. Effettuare regolarmente un controllo dell’udito è il modo migliore per prevenire danni permanenti. In caso di problemi uditivi causati da farmaci ototossici, si consiglia di sospendere subito, quando possibile, il trattamento, e di rivolgersi al proprio medico.

 

Posted in Blog by admin
CHIUDI
CLOSE